Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

Valid XHTML 1.0 Strict

CSS Valido!

Lo Zaino


Senza di lui non andremmo da nessuna parte! Il nostro amato zaino, assolutamente indispensabile e delle più svariate dimensioni, rappresenta la nostra casa "da trasporto" ma attenzione a come lo si carica. Il nostro compagno di viaggio adatto a qualsiasi escursione, dal pic-nic domenicale al trekking plurigiornaliero, deve essere scelto con cura. In questa pagina cerchiamo di capire come sceglierlo, come prepararlo e come portarlo.

La Scelta

La grandezza dello zaino dipende dal tipo e dalla durata dell'attività che abbiamo intenzione di svolgere. Nella normalità dei casi la durata dell'escursione influisce notevolmente sulla scelta: più giorni dura la nostra passeggiata e più grande sarà il carico che dovremo trasportare, ma non è del tutto vero e adesso vedremo il perché. Una prima caratteristica da osservare per uno zaino è la sua capacità che viene espressa in litri: gli zaini per escursioni di un giorno non dovrebbero essere più grandi di 35 litri mentre per le uscite di più giorni se ci si ferma presso i rifugi, normalmente è sufficiente uno zaino di 40-50 litri.
Qualora la nostra escursione preveda l'utilizzo della tenda e ciò che ne consegue (sacco a pelo, stuoino, fornelletto, pentolame vario, ecc..) opteremo per uno zaino ancora più grande di 60 litri. Al momento dell'acquisto è inoltre opportuno confrontare modelli diversi di diverse marche poiché, avendo una morfologia e un metodo di calcolo differente da parte dei produttori, gli zaini delle stesse dimensioni potrebbero risultare parecchio differenti.

I Fattori Fondamentali

Ci sono dei fattori essenziali e fondamentali da prendere in considerazione per la scelta ottimale dello zaino. Entrati in negozio prendetevi tutto il tempo necessario per valutare e rivalutare ogni elemento riportato di seguito.
  1. Lo schienale: deve adattarsi al proprio corpo con la possibilità di far respirare la schiena. In questo caso la tecnologia ci viene in aiuto. Al posto della vecchia struttura rigida vengono oggi utilizzate delle barre in alluminio amovibili e modellabili, pannelli in polietilene e, con l'ausilio di diverse tipologie di design, vengono realizzati dorsi per affrontare diverse condizioni di sollecitazione.
  2. Gli spallacci: devono avere la possibilità e l'ergonomia adatta per essere regolati alla forma delle proprie spalle. Devono essere sufficientemente morbidi, imbottiti a dovere per evitare i dolorosi e fastidiosi segni rossi sulle spalle ed estremamente resistenti per evitare strappi agli allacci fra gli stessi e lo zaino.
  3. Il fascione: da poco adottato per tutti gli zaini da escursionismo, ha modificato e spostato il carico di peso dalle spalle al bacino. Posto nella fascia addominale, imbottito e chiuso correttamente, il fascione permette lo spostamento di parte del peso dello zaino dalle spalle al bacino.
  4. La forma: è essenziale per l'attività che si vuole svolgere. Se le nostre escursioni presentano strade ferrate, arrampicate o passaggi stretti tra mura rocciose è essenziale che lo zaino sia stretto a tal punto da non uscire lateralmente dal proprio corpo altrimenti andrebbe a sbattere o si graffierebbe in continuazione.

Cosa Mettere Nello Zaino

La lista che riportiamo di seguito vuole essere una linea guida per sapere all'incirca cosa portare. Ovviamente poi dipende molto dalle proprie esigenze e dall'escursione che ci si apprestiamo ad intraprendere. Siate però oculati e scrupolosi nella scelta degli oggetti da portare: un elemento in più fa aumentare il peso dello zaino ma un elemento in meno rischia di diventare proprio quello di cui avevamo bisogno.
Accessori Abbigliamento
Accendino
Altimetro
Bastoncini telescopici
Batterie di riserva
Binocolo
Blocco note
Borraccia
Bussola
Buste di plastica
Cartina topografica
Cellulare
Coltellino multiuso
Copri zaino antipioggia
Cordino
Fazzoletti di carta
Fischietto
Gps
Lacci di riserva scarponi
Macchina fotografica
Mini kit per il cucito
Orologio
Penna
Pila frontale
Portadocumenti impermeabile
Portafoglio
Recapiti telefonici
Sacco letto
Salviette umidificate
Telo termico
Tenda
Biancheria intima
Calze
Cappello caldo
Cappello con visiera o bandana
Felpe pile
Ghette (se c'è la neve)
Giacca a vento
Guanti caldi
Magliette di ricambio
Maglioni pesanti
Occhiali da sole
Pantaloni
Poncho o K-way
Scarponi

Infermeria Cibo
Kit pronto soccorso (C'è un po' di tutto)
0 Benda elastica
Bende orlate di garza
Cerotti medicati
Collirio per congiuntivite
Compresse per occhi
Cotone
Crema solare
Disinfettante
Farmaci personali
Forbicine
Garze sterili
Ghiaccio istantaneo
Laccio emostatico
Medicinali personali
Nastro adesivo di tela
Pinzette
Pomata per punture d'insetto
Pomata per traumi e congelamenti
Pomata per ustioni
Rete
Rotolo di cerotto
Siringhe sterili
Spilli sicurezza
Spray antizanzare
Set posate (cucchiaio, forchetta, coltello)
Barrette energetiche
Pane
Companatico
Frutta secca
Zollette di zucchero
Cioccolata

Miele
Sali minerali
Popote che dovrebbe contenere:
  • 2 Pentolini da campo
  • 1 Padella
  • 1 Coperchio
  • 1 Manico a pinza
  • 1 Bruciatore con paravento

Igiene personale
Asciugamano
Burro di cacao
Crema idratante
Crema solare
Sapone (Lo shampoo-doccia o il "Marsiglia" va più che bene)
Spazzolino e denitrifico (da viaggio)

Regolazione Dello Zaino

Se fa male qui: SPALLACCI CINTURA A VITA REGOLATORI DI CARICO CINTURINO PETTORALE
Anche Tensionare per spostare il peso sulle spalle Allentarla o posizionarla più in alto o più in basso sulle anche Provate ad allentarlo ed a stringerlo, fino a raggiungere la sensazione migliore Stringere
Schiena Tensionare Tensionare per ridurre l'innaturale inarcatura della schiena Tensionare Stringere
Spalle Alternare periodi di maggior tensione e allentamento Posizionare in alto sulle anche e tirare fino a che sentite stringere l'addome Tensionare (si allevia così il carico dalle spalle) o allentare i tiranti e gli spallacci per abbassare il carico sulla cintura Stringere (si sposta il carico al centro delle spalle alleviando lo sfregamento delle ascelle)

Peso e Capacità

Il peso degli zaini varia a seconda del tessuto utilizzato ed agli accessori presenti (cappuccio, doppio fondo, tasche interne ed esterne, ecc...). E' possibile pertanto trovare zaini di grande portata di peso più basso rispetto a quelli di media portata. Le differenze sono comunque minime.
Capacità Peso
80 - 100 Litri 2 - 2,5 Kg
60 - 80 Litri 1,7 - 2 Kg
30 - 60 Litri 1 - 1,7 Kg

A prescindere dal peso dello zaino occorre però attenersi ad una regola ben precisa: "Non sopravvalutiamo le nostre capacità". Non essendo animali da soma, il carico dello zaino non dovrebbe superare il 15-20% del nostro peso corporeo e tali soglie dovrebbero essere seguite soprattutto per chi non è in forma ed ha qualche chilo di troppo. Nella tabella sottostante è presente uno schema per ottimizzare la disposizione degli oggetti nel nostro zaino.
Zaino
1 - Oggetti di uso frequente
2 - Oggetti pesanti:
Tenda, pentolame, acqua, ecc...
3 - Oggetti di peso medio:
Utensili, viveri, indumenti, ecc...
4 - Oggetti leggeri:
Sacco a pelo, poncho, mantella, ecc...

La Manutenzione

Lavare a mano in acqua fredda con sapone neutro, strofinare leggermente utilizzando una spazzola morbida. Sciacquare accuratamente, non strizzare, non lavare a secco, non candeggiare, non stirare e non esporre a fonti di calore. Estrarre se possibile le armature in alluminio presenti. Trattare periodicamente la finitura idrorepellente.
Parte della documentazione riportata in questa pagina è stata realizzata consultando le schede tecniche presenti sul sito della Ferrino