Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

Valid XHTML 1.0 Strict

CSS Valido!

De Rerum Montanorum


Con questo capitolo, che tradotto significa "Delle Cose dei Montanari", abbiamo voluto raccogliere alcuni concetti fondamentali da seguire prima di mettersi in cammino per vivere al meglio la nostra escursione evitando spiacevoli inconvenienti.

Il Trekking

Prima di iniziare cerchiamo di capire meglio quale sia il significato della parola "Trekking". Per Trekking si vuole intendere il

"camminare percorrendo sentieri e itinerari nella natura".

Non si limita ad un semplice camminare fine a se stesso, o il portare a termine un'impresa estrema, o di una gara di velocità per vedere chi arriva prima. Il Trekking è prima di tutto conoscere il territorio che ci circonda, il sentirsi a contatto diretto con la natura con la costante voglia d acquisire e immedesimarsi in una dimensione più umana della nostra vita. E' un'attività che può essere svolta da chiunque con la possibilità di percorrere bellissimi itinerari immersi nella natura e che non presentano alcun tipo di difficoltà fino ad arrivare a percorsi estremi adatti solo a esperti escursionisti. Il bello del trekking è respirare il silenzio, mettersi alla prova, ma soprattutto riscoprire il piacere dell'avventura e di se stessi.
Alcuni termini utili che potremmo trovare in giro per la rete:

Trek:

Si intende un itinerario di più giorni da percorrere a piedi o con mezzi di trasporto naturali attraverso sentieri, mulattiere, piste, ecc...

Trekking:

Ha un significato che potremmo definire "Percorrere un trek". Fu utilizzato per la prima volta negli anni Cinquanta per descrivere le marce per le spedizioni sull'Himalaya.

Trekker:

Colui che pratica il trekking.

Regole, Doveri e Responsabilità

Per vivere intensamente il trekking occorre riporre la massima attenzione nella nostra sicurezza e in quella dei nostri compagni dall'inizio alla fine del viaggio. Durante un escursione ognuno di noi è soggetto a dei doveri da rispettare, a delle regole a cui attenersi e ha delle responsabilità da assumere per non mettere in difficoltà se stesso gli altri. Ecco riportate di seguito alcune regole semplici e fondamentali da non sottovalutare.

Le Regole

  1. Avere un'adeguata preparazione fisica;
  2. Non partire da soli ma cercare sempre uno o più accompagnatori;
  3. Non partire eccessivamente coperti. All'inizio occorre sentire un po' di freddo;
  4. Lasciare a qualche parente o amico le indicazioni precise sull'itinerario scelto;
  5. Scegliere sempre un'alimentazione corretta e l'abbigliamento adatto;
  6. Non abbandonare mai i sentieri segnati;
  7. Non bere l'acqua dei ruscelli;
  8. Mantenere sempre il contatto visivo con i compagni di escursione;
  9. Effettuare pause frequenti per riposarsi e rifocillarsi con qualche biscotto, un po' di cioccolata e per bere. La disidratazione in montagna è sempre in agguato;
  10. Stare lontano da vette e creste in caso di temporale e non cercare riparo sotto gli alberi. Lasciare oggetti e attrezzi metallici che potranno essere ripresi a temporale finito;
  11. Impostare l'andatura secondo le possibilità dell'intero gruppo tenendo un passo lento e progressivo. Un'eccessiva speditezza provoca affaticamento precoce;
  12. Evitare assolutamente di smuovere pietre, che potrebbero provocare il ferimento di altri alpinisti;
  13. Percorrere il più velocemente possibile e senza fermarsi i luoghi soggetti a pericolo di caduta sassi.

I Doveri

  1. Aiutare chi si trova in difficoltà;
  2. Segnalare alle autorità competenti ciò che si ritiene possa arrecare danno all'ambiente;
  3. Evitare schiamazzi;
  4. Non raccogliere fiori, è meglio fotografarli;
  5. Non spaventare gli animali;
  6. Non lanciare sassi;
  7. Rispettare le popolazioni locali e le proprietà private;
  8. Campeggiare nelle apposite piazzole e stare attenti a non accendere fuochi in presenza di vento qualora dovessimo campeggiare in aree libere;
  9. Affrontare il percorso con equipaggiamento adeguato all'escursione che ci apprestiamo ad effettuare;
  10. Rispettare l'ambiente portando con sé i propri rifiuti;
  11. Lasciare sempre puliti i luoghi dove siamo passati o dove abbiamo campeggiato;
  12. Non dimenticare di richiudere cancelli e barriere dopo averli attraversati;

Le Responsabilità

  1. Scegliere la meta e il percorso in base alle proprie capacità fisiche e al grado di allenamento. Tenere sempre in considerazione le esigenze del più debole del gruppo;
  2. Procurare le cartine della zona studiando preventivamente il percorso e gli eventuali sentieri alternativi;
  3. Consultare sempre le previsioni del tempo;
  4. Chiedere in loco le informazioni sulle condizioni del percorso scelto;
  5. Avere cura di avvisare gli eventuali rifugi di partenza e di arrivo sui propri spostamenti;
  6. Suggerire i controlli da non dimenticare: lo zaino, l'acqua, il cibo, le batterie, la bussola, ecc...;
  7. Accertarsi che tutti i componenti siano in buone condizioni fisiche;
  8. Partire e ritornare presto di modo da evitare il buio durante il cammino ed i frequenti temporali pomeridiani;
  9. Saper rinunciare in caso di difficoltà;
  10. Non sopravvalutarsi ed essere sinceri con se stessi e i propri compagni;
  11. Evitare rischi inutili;
  12. Valutare i rischi che possono incombere in caso di attraversamenti di tratti innevati e di torrenti;