Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

Valid XHTML 1.0 Strict

CSS Valido!

Lago della Duchessa

Il Racconto - Approfondimenti - Consigli

Approfondimenti

In questa pagina abbiamo voluto riportare una serie di informazioni e di documenti inerenti la Riserva naturale Montagne della Duchessa. Flora, fauna, cenni storici, itinerari e tanto altro per saperne sempre qualcosa in più.

Collegamenti

Riserva Naturale Montagne della Duchessa
Sito Web Ufficiale - Riserva Naturale Montagne della Duchessa
Parks.it - Riserva naturale Montagne della Duchessa
Lago della Duchessa
Riserva regionale Montagne della Duchessa
Percorsi del C.A.I. nella Riserva delle Montagne della Duchessa
Cartore
Aldo Moro e il lago della Duchessa

Il Territorio

La "Riserva Naturale Montagne della Duchessa", questo è il nome corretto, fa parte delle aree protette della Regione Lazio ed ha un estensione pari a circa 3500 ettari presenti nel territorio del comune di Borgorose, in Provincia di Rieti. Ad Est il confine corrisponde con quello regionale e si congiunge con il Parco Regionale del Sirente-Velino (Abruzzo). I due parchi regionali formano un caratteristico massiccio che esprime al meglio il classico ecosistema appenninico. Le "Montagne della Duchessa" sono parte integrante del settore occidentale del gruppo del monte Velino e annoverano numerose cime che raggiungono e superano i 2000 metri: Monte Morrone (2.141 m), il Costone (2.239 m), Murolungo (2.184 m) e Monte Cava (2000 m).
L'intera area della Riserva Naturale è caratterizzata da formazioni calcaree di vario tipo. Alle quote più basse, queste tipologie si identificano con depositi detritici di origine fluviale molto permeabili mentre, a quote maggiori, sono presenti depositi morenici di origine glaciale e formazioni mioceniche di origine marina nelle vicinanze del Lago della Duchessa. Nella zona sono presenti depositi bauxitici soprattutto presso Coppo Dei Ladri, Monte Cava e Fonte La Vena. Diverse e grandi sono le strette valli e gole sparse per tutto il territorio (forme ipogee), guardando attentamente il territorio infatti è possibile notare numerose grotte, inghiottitoi e profonde buche in cui si incanala l'acqua di superficie. Nella Riserva addirittura sono presenti due inghiottitoi attivi, l'uno nel Vallone di Teve e l'altro lungo la sponda settentrionale del Lago della Duchessa che occupa una conca di origine glaciale.

La Flora

La possibilità di osservare numerose tipologie di vegetazione è dovuta al fatto che nella riserva è presente una diversità di fattori davvero notevoli quali la quota, l'esposizione, la natura della roccia e il tipo di suolo. Si passa da boschi più o meno termofili a boschi mesofili e microtermici, che lasciano poi il posto agli arbusteti e alle praterie d'alta quota. Fino a circa 1.000 metri la vegetazione è caratterizzata da querceti termofili come la roverella, il cerro, il carpino nero e l'acero. Sempre a questa quota, nelle zone una volta coltivate e completamente disboscate, è oggi possibile ammirare notevoli varietà di arbusteti come il ginepro e il prugnolo. Nella fascia intermedia delle catene montuose sono presenti soprattutto boschi di latifoglie misti caratterizzati ancora dal cerro ma soprattutto dal carpino nero, dall'orniello, dal nocciolo e da alcuni sporadici faggi. Salendo verso le cime il faggio diviene prevalente. In questo piano altitudinale sono infatti presenti boschi di faggio di cui alcuni secolai e di aceri montani. Sugli ultimi pianali i faggi lasciano quindi il posto a ginepri nani. A seconda delle varie posizioni si trovano inoltre colonie di leccio, il tiglio, il frassino maggiore e l'olmo montano. Infine nel fondo della Val di Teve sono presenti rare betulle, testimonianza di una vegetazione forestale antica legata agli ultimi cicli glaciali.

La Fauna

La Riserva Naturale Montagne della Duchessa conta una notevole quantità e varietà di specie animali: insetti, anfibi, rettili, uccelli e mammiferi che danno alla riserva una richezza inestimabile. La presenza di tutte queste specie è dovuta alla posizione geografca della riserva che si trova al centro di tre grandi conformazioni montuose: Sirente-Velino, Monti Simbruini e Complesso del Nuria.
Tra i rettili è possibile annoverare la vipera dell'Orsini, la vipera comune, il biacco e l'orbettino. Tra gli anfibi segnaliamo il tritone crestato presente in una numerosa colonia proprio nel Lago della Duchessa. Tra i rapaci è facile osservare il grifone, presente con numerosi individui, il gheppio, il falco pellegrino, il falco lodolaio e la poiana mentre l'aquila reale compare solo di passaggio nidificando sul vicino monte Velino. Tra i rapaci notturni si rilevano anche il barbagianni, la civetta, l'allocco ed il rarissimo gufo reale. Sono frequenti inoltre le ghiandaie, i picchi e l'upupa. Intorno al lago è facile imbattersi in gruppi di germani reali e di marzaiole.
Tra i piccoli mammiferi troviamo lo scoiattolo, la donnola, il moscardino, il toporagno, il topo quercino e l'arvicola terrestre. Oltre ai cinghiali, c'è da segnalare la presenza del cervo reintrodotto dal Corpo Forestale dello Stato agli inizi degli anni "90" e del capriolo. I carnivori sono rappresentati dalla faina, dal tasso, dalla martora (di recente individuata in almeno due località), dall gatto selvatico e da almeno un branco di lupi. In ultimo l'orso bruno marsicano che però rappresenta una specie occasionale e di passaggio.

Documenti

Manuali e Itinerari Descrizione Gruppo Velino Sirente
Manuali e Itinerari Percorso: Anello del Lago della Duchessa
Manuali e Itinerari Descrizione Percorsi Riserva Della Duchessa
Manuali e Itinerari Descrizione Percorsi del CAI di Avezzano
Manuali e Itinerari Percorso: Cartore - Lago della Duchessa
Manuali e Itinerari Percorso: Anello Lago della Duchessa