Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

Valid XHTML 1.0 Strict

CSS Valido!

Cimata di Puzzillo e Costone Orientale

Il Racconto - Approfondimenti - Consigli

Consigli

L'itinerario "1C" altro non è che una bellissima passeggiata immersa nel verde e un ottimo percorso invernale da affrontare con le ciaspole ai piedi. Facile e adatta a tutti, non presenta alcuna difficoltà particolare. Le poche difficoltà potrebbero sorgere se, arrivati al fontanile, si sceglie l'itinerario "1C Bis" piuttosto che proseguire sul ben delineato e sterrato "1C".
Entrambi i sentieri sono comunque percorribili da chiunque.
Il rifugio Vincenzo Sebastiani è aperto da giugno a settembre e, su prenotazione, nei week-end invernali. Per prenotare e avere informazioni particolari si può telefonare ai seguenti numeri:
- 368/279463 nel periodo estivo;
- 339/1079741 - 06/298048 nel periodo invernale.
Arrivati al rifugio si ha la possibilità di pranzare o pernottare per proseguire il mattino dopo verso altre mete. In estate il rifugio può essere raggiunto anche a cavallo o in mountain bike mentre in inverno è necessario essere attrezzati con sci o con racchette da neve.
Il rifugio è dotato di un locale di emergenza sempre aperto in caso di chiusura del rifugio. All'interno sono presenti tre posti letto ma non sono disponibili né riscaldamento, né acqua né bagno.
Ultimo consiglio: anche se al rifugio potrete comprarne in quantità, non ci sono altri posti dove poter reperire altra acqua, pertanto portatevene sempre un bel po' di scorta.
La parte iniziale del sentiero 1B che porta sulla vetta della Cimata di Puzzillo, e che proseguendo arriva fino a Cimata di Pezza, è abbastanza tortuoso, angusto ed intervallato da grandi massi sovrapposti che lo rendono non adatto a tutti. Con uno strapiombo sulla destra e sulla sinistra, occorre in alcuni tratti saltare da un macigno all'altro stando bene attenti a dove mettere i piedi. Pertanto, qualora avessimo una bicicletta, l'unico modo di passare la prima parte del sentiero è mettersela in spalla e farsi aiutare dai propri compagni di viaggio.
L'itinerario 1A, che ci permette di arrivare sul Costone Orientale, è adatto più o meno a tutti. L'unica attenzione è da porre sul terreno del sentiero che è molto sdrucciolevole e, spesso e volentieri, si confonde con altri percorsi che vengono creati dalle piogge.
Una volta arrivati su entrambe le cime, dedicatevi almeno dieci minuti per apprezzare l'eccezionale panorama che vi circonda.